venerdì 26 novembre 2010

un petit fil rouge m'a dit...




Questo libro, acquistato nel 2008, è di Isabelle Vautier.
Mi sono interessata ai ricami di I.V. dopo aver acquistato
scritto a quattro mani con Renato Parolin.
Che dire... interamente monocolore, classico stile francese.
Il blog di Isabelle Vautier lo trovate qui.


Ho tratto da questa foto l'albero con i cigni
e ho fatto un pannello Bienvenue,
aggiungendo un alfabeto preso da questo libro.
Ecco due foto (pessime) del lavoro!!!



lunedì 15 novembre 2010

pot en tissu n. 2

Un'altro vaso in tessuto concepito come porta giochi per una bambina molto piccola,
con all'interno una gallina di peluche.
I colori non sono per niente infantili,
ma al contrario molto scuri e rustici,
certamente più adatti al tema campestre-ovicolo!!

Purtroppo non trovo più lo schema gratuito che mi ha ispirato il ricamo
e neanche il tutorial per assemblare il tutto.
Qui trovate i primi due pots che ho cucito, quasi due ani fa....

mercoledì 13 ottobre 2010

pianeta

Ecco qui il lavoro più impegnativo che ho fatto quest'estate.
Ho restaurato (o meglio aggiustato) una pianeta.
Sul davanti era molto consumata e quindi ho dovuto togliere la fodera e disfare il ricamo rovinato e poi rifarlo.
Ho usato il cotone mouliné della DMC a un filo.
Per ricamare dovevo passare l'ago attraverso due tele molto rigide.
Non sapendo lavorare con il ditale mi sono venuti i calli sulla punta delle dita.
Qui ho fotografato la rosa centrale e il bocciolo com'erano prima e come li ho rifatti.




Oltre al punto pittura dei fiori e delle foglie ho anche rifatto le crocettine intorno all'abito.

I fili d'oro che, cuciti sulla tela disegnavano volute, li ho sostituiti con un punto erba fatto con mouliné dorato.

Per rifoderare il tutto (visto che sono una frana con la macchina da cucire) ho dovuto chiedere aiuto ad un'amica.
Abbiamo sostituito la vecchia fodera rosso scuro con una tela di lino rosso geranio.
Per fortuna la parte posteriore era quasi intatta.
Questo paramento è riservato alle messe celebrate nel santuario di Machaby.

giovedì 30 settembre 2010

venerdì 1 ottobre 2010



Domani sarò tutto il giorno qui.
Avete bisogno di qualcosa???
E' la mia prima volta in una fiera.
(da visitatrice, s'intende)
Vi farò sapere...

sabato 18 settembre 2010

un altro regalo


Questo è l'ultimo libro che mi è stato regalato. Certo che Parolin è una certezza per quanto riguarda il monocolore. Ogni lettera dell'alfabeto è associata ad un fiore e per ogni fiore c'è un aneddoto o una leggenda, a volte viene spiegato il significato etimologico.
Inoltre per ogni fiore c'è una dedica: la mia iniziale - la E (edelweiss) - è dedicata all'amicizia. Bilingue, italiano e francese.

Io ho già iniziato a ricamare la A e la G
(in rosso 498 of course... ops, bien sur!!) su tela beige.
A parer mio Parolin è più apprezzato in Francia, non so se per merito della collaborazione con la Vautier, ma la copertina dell'ultimo numero di "Main et Merveilles - point de croix" che ho preso a Chamonix è proprio dedicata al nostro designer, e all'interno ci sono riportati ben tre schemi.

Sto pensando di postare regolarmente la copertina dei libri che in questi anni ho comprato o mi sono stati regalati in modo da riordinare la mia biblioteca dedicata al ricamo, magari con una piccola recensione, potrebbe essere un'idea??

giovedì 9 settembre 2010

quadretto per Damiano

Bene, sono tornata dopo tre mesi, è la prima volta che lascio passare così tanto tempo, ma è stata un'estate veramente frenetica. Ho anche avuto problemi di connessione e quindi sono rimasta indietro anche nella lettura dei vostri post. Fra poco mi attiveranno la nuova linea e spero di aumentare la frequenza di lettura/scrittura. Inoltre avevo preparato delle belle immagini sul lavoro che mi ha impegnata per la maggior parte dell'estate ma non le trovo più. Sarà che sto facendo troppe cose insieme... Per ora vi mostro un quadretto da appendere in maternità che ho preparato per la nascita di Damiano (che avverrà tra non molto), avevo già fatto il fiocco per la sorella che trovate qui.

sabato 12 giugno 2010

Iniziali su lenzuolo



Lo so, sto trascurando il mio ed i vostri blog, ma in questo periodo ho veramente molti impegni e non riesco ad infilarci anche il ricamo. Vi mostro l'ultimo lavoro che ho eseguito: due iniziali ricamate a punto pieno e punto nodini su un lenzuolo a due piazze. Il bordo ad uncinetto non l'ho fatto io. E' un regalo che una nonna fa alla nipotina adolescente. Io ho un lenzuolo che mia nonna mi ha regalato con le iniziali ricamate e dei bordi all'uncinetto. Ormai mia nonna non c'è più e il lenzuolo è gia un po' consumato, quindi lo uso solo una volta all'anno per il mio compleanno. E' un regalo che mi faccio ogni anno.

martedì 25 maggio 2010

Prima comunione











Gli ultimi lavori che ho eseguito sono le bomboniere per la Prima Comunione del mio bambino più piccolo.
Il calice è fatto con la tecnica dell'embossing e colorato con i pastelli.
Il fiore con i confetti è realizzato con un nastro apposito.




giovedì 6 maggio 2010

Per Erica

Per Erica che sta cercando un cuscino per le fedi a tombolo ho un paio di idee:

1- fare un cuscinetto in lino bianco con intorno un pizzo come questo che trovi qui (se vuoi il disegno te lo faccio avere via mail)
2- copiare questo cuscinetto a forma di cuore (il più carino che sono riuscita a trovare con google) e ci sono anche lo schema e le spiegazioni.
3- rivolgerti a Mena che è molto più brava di me.

Fammi sapere e tanti auguri!!

domenica 18 aprile 2010

monocolore













Questi ricami a punto croce monocolore sono stati eseguiti da una bambina (ora ragazza), me li ha dati sua mamma per ricavarne qualcosa. Purtroppo la tela è stata tagliata troppo vicina al ricamo ed era impossibile trarne un rettangolo completo. Per ovviare a questo problema ho inserito i pezzi di tela in quadretti Ikea e ho ritagliato del cartoncino bristol nero con un fustellatore per angoli preso all'Opitec. Ne ho incollati sulla cornice e alcuni direttamente sul ricamo dove la tela era tagliata. A me sembrano abbastanza carini e i tagli non si vedono più.



Un altro pezzettino di tela ricamato dalla bambina e inserito in un cuscino patchwork con bordo a punte.
E' bello recuperare, riutilizzare e rivalorizzare lavori anche un po' datati perchè credo che qualsiasi cosa fatta a mano abbia un'anima (per una mamma ancora di più).

giovedì 25 marzo 2010

Un libro nell'ago






Adesso che il pacco è arrivato a destinazione posso mostrare il lavoro che ho spedito a Daniela di mommy57: consiste in un piccolo cestino di vimini che ho rivestito internamente con una stoffa ricamabile écru. Nella parte esterna del rivestimento ho ricamato due frasi tratte da "Il piccolo principe" di Antoine de Saint-Exupéry. Anche se è un libro per bambini credo che leggerlo da adulti sia ancora più istruttivo perchè tocca argomenti che fanno riflettere. Naturalmente questa è stata l'occasione per rileggerlo per l'ennesima volta.

Le due frasi, riportate in francese, lingua originale del libro, recitano:
On ne voit bien qu'avec le coeur
(non si vede bene che con il cuore)
L'essentiel est invisible pour les yeux
(l'essenziale è invisibile agli occhi)
E' il segreto che la volpe rivela al piccolo principe, spiegandogli che la sua rosa è molto importante per lui perchè le ha dedicato molto tempo e non è paragonabile alle altre rose che trova sulla terra.

Il lavoro, tutto in écru e rosso, non riprende i colori pastello delle illustrazioni del libro, ma ho pensato che si adattassero meglio ad un set di broderie. A corredo del cestino c'è un puntaspilli con base in vimini, un piccolo carnet porte-aiguille, un biscornu da attaccare alle forbici, due cartoncini porta fili o nastri, dei bottoni rivestiti con un piccolo ricamo a cuore.
Il disegno della rosa che si ripete nei ricami è preso dal libro: Répertoire des frises: plus de 1100 bordures, angles et ornements à broder au point de croix di Valérie Lejeune.
Gli spilli che si vedono nelle foto non li ho spediti, si sa che non si devono regalare aghi e simili perchè non è di buon auspicio.


domenica 28 febbraio 2010

gigliuccio



Una doppia fila di gigliuccio per questo copritavolo in canapa.
Il gigliuccio con il punto quadro è il punto sfilato che preferisco.
Il vantaggio di questi tipi di lavoro è che non c'è uno schema da seguire e si può fare tranquillamente chiacchierando o seguendo un film in tv.
In effetti io la tv più che guardarla in genere la ascolto facendo qualcos'altro.

lunedì 8 febbraio 2010

fiera di S.Orso


Sabato 30 sono stata alla fiera di S. Orso ad Aosta. Sono arrivata alle 8.30 e sono ripartita alle 16.00. In tutto questo tempo ho visto delle cose veramente belle, anche se non sono riuscita a vedere la sezione che mi interessava, quella dei pizzi e dei lavori femminili. La fiera, giunta alla 1010a edizione è come sempre un evento memorabile in Valle d'Aosta.

venerdì 29 gennaio 2010

à jour




Questo à-jour (su un asciugamano di canapa filata e tessuta a mano) è stato iniziato tanti anni fa dalla sorella di mia nonna. Un giorno mi ha chiesto di finirlo. Questa signora è morta da più di 12 anni, sono contenta di essere riuscita finalmente a finirlo, ora lo userò come tovaglietta da prima colazione. Credo che aggiungerò qualche ricamo e forse un pizzo ai lati.


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...